Tipi di fronti

Archiviato sotto: Fenomeni meteorologici

Freddo, caldo, stazionario, occluso e dryline: ecco una guida facile da seguire

Vi siete mai chiesti cosa significhino i tipi di fronti che vedete sulla carta meteorologica? Come parte della nostra continua educazione meteorologica abbiamo pensato che una spiegazione sarebbe stata utile. Quindi iniziamo.

I getti polari e subtropicali separano le masse d'aria. Questo confine è noto come fronte. Se suona un po' militaresco, è perché i meteorologi hanno dato a questi confini questo nome per la somiglianza con un'unità militare che si muove sul campo di battaglia.

Anche se non si tratta di una regola ferrea, la maggior parte di questi fronti viaggia lungo le increspature delle gettate polari e subtropicali, cambiando il tempo al loro passaggio. Esistono quattro tipi di fronti: freddo, caldo, occluso e stazionario.

tipi di fronti
  • Salva
I quattro tipi di fronti più comunemente visti su una mappa meteorologica.

I tre principali tipi di fronti

Alcuni fronti freddi possono squarciarsi violentemente venti forti e temporali con aria notevolmente più fresca. Al contrario, altri passeranno con differenze appena percettibili, tranne un cambiamento di umidità e un clima più piacevole. I fronti caldi sono in genere molto meno benigni. Forti tempeste con attività tornadica possono verificarsi vicino a fronti caldi, grazie alla maggiore quantità di rotazione. I fronti occlusi sono miscele, qualsiasi combinazione di cambiamenti meteorologici, di temperatura e/o di umidità. I loro effetti sono ampiamente variabili.

I fronti stazionari, quando un confine rimane in posizione, si fermano sulla stessa area per giorni e giorni e spesso sono la causa di precipitazioni eccessive nei mesi estivi.

I fronti freddi su una mappa meteorologica sono tipicamente rappresentati come una linea blu con dei triangoli che indicano la direzione del movimento. I fronti caldi sono linee rosse con semicerchi che indicano la direzione del movimento, mentre i fronti occlusi sono rappresentati in viola con triangoli e semicerchi alternati.

Fronti freddi

Il fronte freddo è in genere il più attivo. Al suo passaggio si verifica un notevole spostamento e aumento della velocità del vento, e sia la temperatura che l'umidità diminuiscono, a volte in modo significativo. In genere si sposta da ovest a est sugli Stati Uniti, sostituendo l'aria più calda e umida. Poiché l'aria più fredda è più densa di quella più calda, un fronte freddo "spazza via" l'aria calda, come mostrato nel diagramma sottostante.

tipi di fronti - diagramma dei fronti freddi
  • Salva
Sezione di un fronte freddo.

Che tempo porta un fronte freddo?

Prima del trapassoDurante il passaggioDopo il trapasso
Ventisud-sud-ovestrafficato; mutevoleovest-nord-ovest
Temperaturacaldocalo improvvisoin costante calo
Pressionein costante calominimo, poi un forte aumentoin costante aumento
Nuvolein aumento: Ci, Cs e CbCbCu
Precipitazionibreve periodo di doccepiogge intense, a volte con grandine, tuoni e lampirovesci e poi schiarite
Visibilitàda discreto a scarso nella foschiapoveri, seguiti dal miglioramentobuono, tranne che nelle docce
Punto di rugiadaalto; rimane stabileforte caloabbassamento

Nota: Ci = cirri, Cs = cirrostrati, Cb = cumulonembi, Cu = cumuli, As = altostrati, Ns = nimbostrati, St = stratus, Sc = stratocumuli, Tcu = cumuli torreggianti.

Fronti caldi

I fronti caldi fanno l'opposto dei fronti freddi, quindi l'aria più calda sostituisce quella più fredda. L'aria più calda è meno densa, quindi si sposta sopra l'aria più fredda mentre viaggia (l'opposto di un fronte freddo - vedi diagramma). I fronti caldi si spostano tipicamente da sud a nord nell'emisfero settentrionale, con un aumento della temperatura e dell'umidità dell'aria dietro di loro. In alcuni casi, il maltempo può scoppiare proprio dietro un fronte caldo, a causa di una maggiore instabilità.

Tipi di fronti caldi diagramma dei fronti
  • Salva
Sezione di un fronte caldo.

Che tempo porta un fronte caldo?

Prima del trapassoDurante il passaggioDopo il trapasso
Ventisud-sud-estvariabilesud-sud-ovest
Temperaturafreddo-freddo, riscaldamento lentoaumento costantepiù caldo, poi costante
Pressionedi solito in calolivellamentoleggero aumento, seguito da una diminuzione
Nuvolenell'ordine: Ci, Cs, As, Ns, St e fog; occasionalmente Cb in estate.tipo stratusschiarite con sparse Sc; occasionalmente Cb in estate
Precipitazionipioggia da leggera a moderata, neve, nevischio, o a pioggiapioggerella o nientedi solito nessuna, a volte pioggia o rovesci leggeri
Visibilitàpoveropovero, ma in miglioramentofiera nella foschia
Punto di rugiadaaumento costantecostanteaumento, poi costante

Nota: Ci = cirri, Cs = cirrostrati, Cb = cumulonembi, Cu = cumuli, As = altostrati, Ns = nimbostrati, St = stratus, Sc = stratocumuli, Tcu = cumuli torreggianti.

Fronti occlusi

Per definizione, un'occlusione è il punto in cui il fronte freddo raggiunge il fronte caldo. Di conseguenza, l'aria che precede un'occlusione sarà in qualche modo diversa da quella che si trova dietro di essa. In generale, in un'occlusione calda, l'aria dietro un fronte occluso è ancora più calda dell'aria davanti al fronte caldo. In un'occlusione fredda, la più comune, l'aria dietro l'occlusione è più fredda dell'aria fuori davanti al fronte caldo (non più fredda dell'aria davanti a un fronte caldo). freddo anteriore). Vedere la tabella seguente.

tipi di fronti occlusi
  • Salva
Sezione trasversale di un fronte occluso.

Che tempo fa un fronte occluso?

Prima del trapassoDurante il passaggioDopo il trapasso
Ventisud-est-sudvariabileda ovest a nord-ovest
Temperatura
Tipo freddo 
Tipo caldo

freddo-freddo 
freddo

caduta 
in aumento

più freddo 
più mite
Pressionedi solito in calopunto bassosolitamente in aumento
Nuvolein ordine: Ci, Cs, As, NsNs, a volte Tcu e CbNs, As o Cu sparso
Precipitazioniprecipitazioni leggere, moderate o intenseprecipitazioni o rovesci continui di lieve, moderata o forte intensitàprecipitazioni da leggere a moderate seguite da schiarite generali
Visibilitàpovero di precipitazionipovero di precipitazionimigliorare
Punto di rugiadacostantedi solito una leggera flessione, soprattutto se si tratta di un'intercettazione a freddoleggero calo, anche se può aumentare un po' se si è avvolti dal caldo

Nota: Ci = cirri, Cs = cirrostrati, Cb = cumulonembi, Cu = cumuli, As = altostrati, Ns = nimbostrati, St = stratus, Sc = stratocumuli, Tcu = cumuli torreggianti.

Fronti fissi

Come dice il nome, i fronti stazionari sono fronti freddi o caldi che non si muovono più. I triangoli blu del fronte freddo puntano verso l'aria più calda, mentre i semicerchi rossi del fronte caldo verso il freddo. Una delle caratteristiche più evidenti è una marcata differenza di temperatura e di direzione del vento su ciascun lato. Questi fronti stazionari possono anche essere un punto focale per la portanza atmosferica, creando nuvole e le precipitazioni. Questi fronti sono una causa comune di precipitazioni eccessive durante tutto l'anno.

Linee a secco

Nella maggior parte delle aree del Paese non si verificano spesso, ma poiché questo è un libro sul clima americano, è importante menzionare le dryline. Questi fronti sono più comuni nelle pianure durante l'estate. Si può pensare a queste dryline come a una differenza di umidità: aria calda e umida da un lato e aria secca e calda dall'altro. In genere sono rappresentate da una linea gialla o arancione tratteggiata su una carta meteorologica. Nei mesi estivi, le dryline sono un fattore scatenante dei temporali, spesso di forte intensità. temporalispesso gravi.

Volete saperne di più?

Questo post è un estratto del mio libro, Weather Watch: Un'introduzione al tempo e al clima dell'Americadisponibile su Amazon e gratuito per gli abbonati a Kindle Unlimited!

  • Salva
  • Salva

Vivi l'affascinante mondo del tempo con la seconda edizione di Weather Watch: un'introduzione all'America Tempo e clima. Questo libro non si limita a spiegare i concetti relativi al tempo e al clima, ma li porta in vita.

Vigilanza meteorologica è perfetto per adolescenti e adulti che desiderano approfondire la comprensione del dinamico mondo della meteorologia. Semplificando il complesso, questo libro scompone la scienza del tempo in concetti più piccoli e facilmente digeribili, permettendoti di ampliare le tue conoscenze in ogni capitolo.

Ecco cosa aspettarsi:

  • Approfondimenti dettagliati su nuvole, pressione e vento, lettura di mappe meteorologiche, uragani e tempeste tropicali
  • Discussione illuminante sul cambiamento climatico
  • Guida essenziale all'acquisto di una stazione meteorologica
  • Informazioni critiche su condizioni meteorologiche avverse e tornado
  • Imparare a prevedere il tempo da soli

Questa seconda edizione viene completamente riformattata con oltre 30 pagine di nuovi contenuti, tra cui analisi avanzate delle mappe meteorologiche e meteorologia spaziale. È visivamente più accattivante con illustrazioni e grafica aggiuntive. Ogni capitolo ora termina con collegamenti utili per un apprendimento più approfondito e, sparsi in tutto il libro, sono accattivanti eventi meteorologici americani, che servono come illustrazioni di vita reale dei concetti introdotti.

Logo di The Weather Station Experts

Il nostro impegno per la precisione

Tutti i contenuti di The Weather Station Experts sono scritti o rivisti da persone prima di essere pubblicati sul nostro sito web. I nostri collaboratori e redattori includono meteorologi e scienziati diplomatitutti impegnati a fornire ai nostri lettori contenuti di altissima qualità. Se notate un errore, fateci sapere.

Sull'autore

Ed Oswald

Ed Oswald ha quasi due decenni di esperienza nel giornalismo tecnologico e scientifico ed è specializzato in stazioni meteorologiche e tecnologia per la casa intelligente. Ha scritto per Digital Trends, PC World e TechHive. Il suo lavoro è apparso anche sul New York Times. Quando non scrive di gadget, si diverte a inseguire il maltempo e le tempeste invernali.
1 Condividere
Condividere tramite
Copia link