Ascolta le nostre scelte per le principali storie meteorologiche del 2023

Archiviato sotto: Podcast Meteo Whys

Iscriviti ovunque ascolti i podcast

album-art
00:00

Dalle piogge devastanti della siccità in California al fumo degli incendi a New York e ai tropici attivi, il 2023 è stato pazzesco. Ma El Niño non è ancora finito, come spiega il conduttore Ed Oswald.

Per le note complete sullo spettacolo, visitare la pagina di questo episodio sul Podcast Meteo Whys sito web.

Trascrizione

(Il nostro software presentava un errore che rendeva impossibili i codici temporali nella trascrizione. Le nostre scuse!)

Ed Oswald: Benvenuto nel podcast Weather Whys, sono il tuo ospite Ed Oswald di The Stazione meteo Esperti. In questo episodio daremo uno sguardo al clima pazzesco di quest'anno e al motivo per cui il 2024 inizierà altrettanto pazzesco. Sono felice che tu possa unirti a noi, cominciamo.

Ancora una volta, grazie mille per esserti unito a noi. Questo è The Weather Why's Podcast Episode 1, il nostro primo episodio "ufficiale". Poiché la fine dell'anno coincide con la prima puntata del nostro podcast, abbiamo ritenuto logico iniziare con un anno di ripasso. E che anno è stato dal punto di vista meteorologico.

Se fossi nell'ovest, ricorderai questo suono dello scorso inverno: [suono della pioggia che cade] La pioggia, e in abbondanza, è caduta su gran parte del sud-ovest all'inizio dell'anno, anche New York City alla fine dell'anno ha avuto il suo momento più bello pioggia in un giorno mai. Ma per gran parte dell’anno sembrava che il mondo fosse in fiamme, con un caldo da record. I ricercatori ritengono che i tre giorni più caldi degli ultimi 150.000 anni siano accaduti quest’estate, stimolando una stagione di incendi senza precedenti nel numero di americani colpiti.

Mentre l'inverno piovoso della California ha mantenuto la stagione degli incendi al minimo, il clima è insolitamente secco alle Hawaii e nella parte orientale Canada provocato enormi incendi. Il denso fumo degli incendi ha soffocato le principali città degli Stati Uniti orientali, colpendo milioni di persone, ma questa lista è solo una piccola parte di ciò che è accaduto. A livello mondiale, il 2023 sarà l’anno più caldo di sempre. Allora cosa ha spinto tutta questa follia?El Niño. Da anni ci occupiamo di La Niña, che sono più fresche delle normali acque dell'Oceano Pacifico equatoriale. Anche se La Niña porta con sé un clima selvaggio, è molto meno rigido e molto meno diffuso.

El Niño è l'opposto, dove le acque del Pacifico equatoriale sono più calde del normale. L’evento del 2023 è quello che viene chiamato “super El Niño”, il che significa che le temperature dell’acqua saranno molto più calde. . E anche se lo stiamo semplificando drasticamente, le acque più calde facilitano l'evaporazione dell'acqua, che a sua volta immette più vapore acqueo nell'aria. Questo è in parte il motivo di molti degli eventi di precipitazioni estreme che abbiamo visto in tutto il mondo.

D’altro canto, questo eccesso di pioggia deve essere bilanciato con un eccesso di siccità altrove. El Niños è noto anche per il caldo diffuso e la siccità. E poi, oltre a questo, c’è il cambiamento climatico. Il mondo si è già riscaldato di quasi un grado Celsius a partire dagli anni ’60. El Niño del 2023 ha aggiunto mezzo grado in più.

Il risultato è stato un’anteprima di un mondo in cui 1,5 gradi di riscaldamento non sono un record, ma una realtà quotidiana. anche se questo evento di El Niño potrebbe raggiungere il suo picco, i modelli meteorologici continueranno a esserne influenzati. Con l’arrivo dell’inverno nell’emisfero settentrionale, l’estate inizia nel sud. Questo evento di El Niño non è iniziato fino ad aprile, quindi l'emisfero australe deve ancora avere la sua estate di El Niño. L’estate coinciderà con il picco della forza, quindi gli effetti saranno probabilmente significativi.

Australia sperimenta un caldo estremo e una siccità durante El Niños, spesso accompagnati da significativi incendi, ma lo salveremo per un episodio futuro. Allora quali sono stati i cinque più grandi eventi meteorologici di questo anno pazzesco?

Ne sapremo di più dopo la pausa.

Pubblicità: Il podcast Weather Whys è offerto da The Weather Station Experts. Una stazione meteorologica domestica è un ottimo modo per espandere le tue conoscenze meteorologiche e The Weather Station Experts offre recensioni pratiche reali in modo da poter fare la scelta giusta. Visitateci sul Web all'indirizzo theweatherstationexperts.com.

Ed Oswald: Grazie per essere stato con noi. Come ho detto prima della pausa, stiamo contando le notizie meteorologiche più importanti dell'anno.

A partire da gennaio, il fiume atmosferico gli eventi in California appartengono sicuramente alla nostra lista. Non ho intenzione di spendere troppo tempo su questo argomento come argomento del nostro prossimo episodio, ma gli anni di siccità della California si sono conclusi in modo spettacolare. Questa è stata sicuramente la notizia più importante per l’inizio del 2023. Sebbene sia iniziata a dicembre, fino a marzo alcune parti della California erano ancora alle prese con forti piogge e nevicate.

Ma mentre il tempo piovoso è normale in California durante l’inverno, altrove l’inverno è tutt’altro. In alcune città del nord-est si sono verificate poche nevicate misurabili, con temperature medie ben al di sopra della norma. In effetti, Filadelfia ha trascorso un intero inverno senza più di un pollice di neve in una singola tempesta di neve, una serie che dura ormai da quasi due anni.

Qui alla nostra stazione meteorologica la temperatura media invernale è stata di 47 gradi. Anche se ad alcuni di voi potrebbe sembrare freddo, qui la temperatura è ben al di sopra della norma di circa cinque gradi o giù di lì. Il tempo si è calmato un po' durante la primavera. Tuttavia, le cose hanno cominciato a seccarsi e abbiamo iniziato a osservare una siccità improvvisa diffondersi nel Canada nordorientale e orientale.

Le siccità improvvise si verificano quando i modelli meteorologici si “bloccano”, causando un periodo prolungato di scarse precipitazioni in un’area. Questo è stato il caso qui. Abbiamo ricevuto solo 0,22 pollici di pioggia a maggio e poco più di un pollice a giugno, continuando un inizio anno asciutto, in parte a causa del tempo piovoso a ovest. Ciò ha posto le basi per un evento memorabile a giugno per gran parte del Nordest.

Le stesse condizioni di siccità nel nord-est si sono verificate anche nel Canada orientale, ma molto più severe. Nella tarda primavera, decine di migliaia di acri di foresta canadese stavano bruciando senza controllo. Un insolitamente forte fronte freddo ha investito il Nord-Est nella prima parte del mese. Invece di solo aria fresca e secca. Questi venti di nord-est portavano dietro di sé anche un fumo così denso che si avvolgeva come una nebbia. Il fumo riempì l'aria di New York City e i grattacieli scomparvero nella fitta foschia.

Qui in Pennsylvania non è andata molto meglio: per due giorni consecutivi il fumo nell'aria era così denso che si poteva vederlo anche all'interno della casa. Ma l’estate aveva in serbo altro. A luglio, la temperatura della superficie del mare nelle isole della Florida è salita sopra i 40 gradi per la prima volta nella storia, dopo settimane di caldo incessante e poca pioggia, e questo è un momento in cui il pomeriggio temporalisono in genere un evento quotidiano.

Queste acque calde hanno reso il rapido intensificarsi dei cicloni tropicali un rischio costante, alcuni in luoghi che non ti aspetteresti. Anche nel Pacifico orientale le temperature dell’acqua erano molto al di sopra della norma, e questo ha posto le basi per una tempesta tropicale nel sud della California, tra tutti i posti, in agosto. Gli ascoltatori sulla costa occidentale sanno che la pioggia è una rarità durante i mesi estivi, tanto meno un sistema tropicale che cade sulla terraferma.

Anche se Hillary si è indebolita a causa di una tempesta tropicale prima di approdare, i suoi effetti sono stati estremi. Per la prima volta in assoluto, la costa meridionale della California è stata posta sotto a allerta tempesta tropicale. Da uno a tre pollici di pioggia sono caduti come il suono sulla California, e fino a trenta centimetri sulle montagne.Valle della Morte ha ricevuto in un solo giorno la quantità di pioggia di un anno intero.

Sebbene la pioggia in estate sia una rarità e probabilmente una benedizione per uno stato in cui l’acqua è una risorsa preziosa, è stata eccessiva in una sola volta. Le inondazioni furono diffuse e i danni furono ingenti.

Ma l’Oceano Pacifico non era ancora finito. L'uragano Otis di ottobre è stato memorabile per il suo rapido rafforzamento, che ha sorpreso anche i meteorologi. Per gran parte del tempo dopo la sua formazione dal 15 al 22 ottobre, Otis non fu nemmeno nominato, e nemmeno un depressione tropicale. In effetti, più volte è sembrato che la tempesta si sarebbe dissipata del tutto. Ma verso la fine del 22, ha finalmente ottenuto lo status di tempesta tropicale e il suo nome Otis, dando inizio a una fase di intensificazione storica.

Allo stesso tempo, le correnti di vento dirigevano Otis verso nord-ovest verso la costa messicana. Nel pomeriggio del 23 si trattava già di un uragano di categoria 3 con venti a 125 miglia orarie. Otis ha continuato a rafforzarsi fino al 25 quando ha raggiunto lo status di categoria cinque con venti di 165 miglia all'ora. Ha mantenuto questa forza attraverso l'approdo nella città turistica di Acapulco.

Otis è il primo uragano di categoria cinque del Pacifico a toccare terra e di gran lunga il più costoso: i danni sono stati stimati in $16 miliardi, prevalentemente ad Acapulco e dintorni. Poi c'è il rafforzamento: 115 miglia all'ora in 24 ore lo hanno reso il secondo uragano con rafforzamento più veloce nella storia, e questo è ovunque sul pianeta.

Ce ne sono molti altri, ma stiamo esaurendo il tempo per questo episodio. Ci piacerebbe sentire la tua opinione. Se sei d'accordo o hai altri eventi da condividere, inviaci un'e-mail a [email protected]. Potremmo condividere il tuo feedback in un episodio futuro.

Ed Oswald: Hai appena ascoltato il podcast Weather Whys. Sono il tuo ospite, Ed Oswald. Weather Whys è una produzione di The Weather Station Experts e Oz Media. L'episodio di oggi è stato prodotto da me e Derek Oswald dai nostri studi qui a West Lawn, Pennsylvania. Se desideri saperne di più su Weather Whys, visita Weather Whys that's WHY-S.show. Sul nostro sito web, puoi ascoltare questo episodio in qualsiasi episodio passato e metterti in contatto. Ci piacerebbe sentire la tua opinione. Non dimenticare di iscriverti a Weather Whys per ricevere gli ultimi episodi. Non appena li pubblicheremo, potrai trovare i collegamenti a Podcast Apple, Spotify, Google e altro anche sul nostro sito web. È tutto per oggi. Assicurati di unirti a noi anche la prossima volta, quando daremo un'occhiata alla mega-siccità della California. Grazie per l'attenzione.

Logo di The Weather Station Experts

Il nostro impegno per la precisione

Tutti i contenuti di The Weather Station Experts sono scritti o rivisti da persone prima di essere pubblicati sul nostro sito web. I nostri collaboratori e redattori includono meteorologi e scienziati diplomatitutti impegnati a fornire ai nostri lettori contenuti di altissima qualità. Se notate un errore, fateci sapere.

Sull'autore

Ed Oswald

Ed Oswald ha quasi due decenni di esperienza nel giornalismo tecnologico e scientifico ed è specializzato in stazioni meteorologiche e tecnologia per la casa intelligente. Ha scritto per Digital Trends, PC World e TechHive. Il suo lavoro è apparso anche sul New York Times. Quando non scrive di gadget, si diverte a inseguire il maltempo e le tempeste invernali.
Abbonarsi
Notificami
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0 Azioni
Condividere tramite
Copia link